Presentato il libro “L’Eccidio della Colonna Gamucci

Il tavolo

Il tavolo

Una storia raccontata per non dimenticare. Anzi, per fare conoscere. “L’Eccidio della Colonna Gamucci”, il libro scritto dal lgt. Antonio Magagnino e presentato oggi, 5 ottobre, presso il Museo Storico Militare di Catanzaro, si è prefisso proprio questo scopo: portare a conoscenza dei più una pagina di storia che nella memoria spesso occupa un posto molto limitrofo. Eppurel’esecuzione in massa di 111 uomini tra ufficiali, sotto ufficiali e truppa appartenenti all’Arma dei Carabinieri, avvenuta in Albania il 4 Novembre del 1943 per mano di un reparto di partigiani albanesi, rappresenta uno dei numerosi casi di crimine di guerra compiuti dalla resistenza del luogo all’indomani dell’armistizio tra gli Alleati e il Regno d’Italia che non può essere sottovalutato.

37BD7517-907B-424F-BDC8-C1E3D7F4AB77

La presentazione dell’opera, organizzata anche dall’Associazione Nazionale Carabinieri sezione di Catanzaro, ha visto dapprima l’introduzione del Cap. Dott. Enzo Santoro, presidente della Federazione provinciale di Catanzaro Istituto del Nastro Azzurro, e dell’Avv. Ten. Maurizio Arabia, presidente della sezione Anc “G. Arruzzo” di Catanzaro. A intervenire poi sono stati il dott. Salvatore Scalise, socio dell’Associazione Calabria in Armi, e il lgt. Domenico Caccia, segretario generale Istituto del Nastro Azzurro, nonché il Col. Dott. Girolamo Galluccio, socio ANC, figlio del Carabiniere Antonio Galluccio, deportato dall’Albania a Mauthausen.

Il Col. Girolamo con il Ten. Arabia. Al centro il quadro donato

Il Col. Girolamo con il Ten. Arabia. Al centro il quadro donato

Questi, nell’occasione, ha donato al MUSMI un quadro contenente la fotografia del quarto battaglione Palermo partito per l’Albania, che è stato consegnato nelle mani del direttore De Vinci.

Presenti sono stati il Capitano Ferdinando Angeletti, Comandante della Compagnia di Catanzaro, e il Col. Antonio Montanaro, comandante provinciale dei Carabinieri.
Cospicua è stata la partecipazione dei soci della sezione Anc di Catanzaro, che ha sostenuto l’iniziativa. A riguardo, il presidente Arabia, ha affermato: “Abbiamo dimostrato di fare ed essere associazione; è così che si cresce e si conquista l’affidabilità nei confronti dell’istituzioni e delle persone”.
1069750B-7476-4E05-9B5F-4747EA2977CE
This entry was posted in News. Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi.