Il supporto della sezione Anc alla giornata di prevenzione della morte improvvisa

Ranieli-Arabia-Arico’ e Scozzafava

Ranieli-Arabia-Arico’ e Scozzafava

“Un ECG ti può salvare la vita”. Lo ha dimostrato la giornata di prevenzione della morte improvvisa, organizzata dall’AIAC Calabria con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Carabinieri “G. Arruzzo” di Catanzaro, svoltasi sabato 9 novembre. L’iniziativa si è posta l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’impatto sociale che oggi la morte cardiaca improvvisa riveste e su quali e quanti siano i vantaggi di praticare una prevenzione precoce. Difatti, nel corso dell’evento, tenutosi presso l’Hotel Perla del Porto a Catanzaro, quartiere Lido, che ha visto la partecipazione di importanti professionisti del campo della cardiologia al convegno sul tema “Nuova tecnologia emergente: implicazioni per il futuro della cardiologia”, si e’ data la possibilità di sottoporsi in modo gratuito ad elettrocardiogramma. Nondimeno, molto importante è fare questo esame, poiché le aritmie fatali che determinano l’arresto cardiaco non sono sempre legate a conseguenze dell’infarto oppure a patologie cardiache note, ma possono, in meno del dieci per cento dei casi, essere dovute a malattie primariamente elettriche del cuore, come la sindrome di Brugada o del QT lungo o altre canalopatie. Difetti congeniti o malattie genetiche che per essere bene identificati necessitano di uno screening elettrocardiografico.
Dunque, oggi una prevenzione precoce è fondamentale, in quanto la morte cardiaca improvvisa (Mci) colpisce ogni anno in Italia più di mille giovani di età inferiore a 35 anni. E spesso a esserne interessati sono soggetti apparentemente sani, persino, atleti.

La sezione ANC di Catanzaro, essendo per costituzione molto attenta ai bisogni della comunità, ha deciso di appoggiare l’iniziativa dell’AIAC Calabria volta a fare sperimentare l’importanza della prevenzione delle malattie cardiologiche.

Il presidente ANC “G. Arruzzo”, Ten.  Avv. Maurizio Arabia, ha spiegato: “Abbiamo deciso di dare supporto organizzativo e logistico sul territorio all’Associazione Italiana Aritmologia Cardiostimolazione Calabria per la  realizzazione delle loro finalita’, poiché queste sono molto comuni alle nostre. Del resto, come ANC tendiamo a dare assistenza morale, spirituale, e non solo, ai nostri soci e ai loro familiari. E appoggiando questo progetto che a livello regione si pone finalita’ preventive e di solidarieta’ sociale riteniamo di fare un servizio utile nei confronti dei nostri soci e della comunita’ in genere”. Il presidente, dopo avere ringraziato il m. llo Domenico Ranieli e la socia Angiolina Scozzafava che hanno supportato l’organizzazione insieme allo stesso e all’Ispettore, si e’ detto molto soddisfatto per la buona riuscita della giornata di prevenzione, che, nel rispetto della privacy, ha consentito ai soci di eseguire l’elettrocardiogramma in un momento in cui la sanita’ calabrese non consente di svolgere in esame medico in tempi brevi. 

This entry was posted in News. Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi.